Avvenire pagine cultura, di Raul Gabriel “(…)L’uso compulsivo dello smartphone davanti a un evento ci trasforma da attori a spettatori della nostra stessa esistenza, arrivando a modificare il tempo: da tempo della persona a tempo dell’immagine (…) “

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *